Riciclo e riuso per il futuro dell’Italia

Pneumatici riciclati e gomme d’auto: il materiale di cui sono fatti è un tesoro
30 Gennaio 2020
Come raccogliere e gettare i rifiuti domestici ai tempi del Coronavirus
3 Aprile 2020
Show all

Riciclo e riuso per il futuro dell’Italia

L’italia è tra i primi paesi in Europa per la raccolta differenziata e il riciclo. La preoccupazione per i cambiamenti climatici ha fatto emergere, infatti, la necessità di fare qualcosa per la salute dell’ambiente utilizzando energie rinnovabili e riducendo i rifiuti grazie al riciclo e l’uso di prodotti a lunga durata.

Secondo quanto emerge dall’ultima ING International Survey, l’indagine condotta da Ipsos per il gruppo bancario ING nel mese di agosto 2019, su un campione di 15.146 intervistati in 15 Paesi, l’Italia è uno degli Stati all’avanguardia nell’applicazione dei concetti alla base dell’economia circolare, un nuovo concetto di consumo, attraverso il riutilizzo degli oggetti e delle risorse.

Seppur con alcune riserve riguardo all’uso della plastica (gli italiani sono tra i maggiori consumatori di acqua in bottiglia di plastica), l’Italia si aggiudica il primo posto in Europa per la raccolta differenziata, con una percentuale che arriva al 92%. Seguono la Germania e la Francia, rispettivamente con l’87% e l’83%.

Nonostante negli ultimi anni ci sia stata la tendenza, spinta soprattutto da parte dei produttori, a voler vendere a tutti i costi un prodotto/oggetto nuovo in sostituzione di uno rotto, oggi si affaccia nuovamente l’esigenza di riparare quello vecchio e contrastare la cosiddetta obsolescenza programmata.

Il modello di economia circolare, invece, che riduce ed elimina lo scarto, prevede la differenziazione delle fonti di approvvigionamento di materia, in netto contrasto con il consumo di massa.
Il primo passo verso questo nuovo modello è stato fatto dalle aziende, che hanno cominciato ad adottare diverse misure per essere sostenibili, riducendo, ad esempio, l’uso della plastica nei propri uffici o utilizzando fonti di energia rinnovabili.

 

fonte: sassarioggi.it