Geos Environment sigla accordo con cassa depositi e prestiti: professionalita’ campane per la bonifica dei siti contaminati in Italia

Webinar: ancora un secolo di amianto per l’Italia?
20 Gennaio 2023
GEOS Environment al Green Symposium Med 2023
28 Aprile 2023
Show all

Geos Environment sigla accordo con cassa depositi e prestiti: professionalita’ campane per la bonifica dei siti contaminati in Italia

Napoli, 1 marzo 2023 – La Campania si colloca tra le regioni leader nello sviluppo di tecnologie innovative per gli interventi di bonifica ambientale e vede le sue aziende protagoniste nelle attività sul territorio nazionale.

GEOS ENVIRONMENT, azienda leader nel settore dell’ingegneria ambientale con sede in Napoli che da circa 35 anni si occupa della bonifica di siti contaminati e del Waste Recovering Management con un portfolio che vanta importanti interventi sul territorio e collaborazioni con aziende italiane e internazionali, ha siglato con CDP (Cassa Depositi e Prestiti) un accordo quadro biennale che prevede “interventi di bonifica di siti contaminati” per le aree del nord e del sud Italia.

Geos ha di recente svolto attività di bonifica ambientale per la rimozione dei materiali contenenti amianto anche presso impianti di proprietà della TIM (Telecom Italia) nelle aree centro e sud Italia.

Per l’azienda napoletana rimane tutt’ora in essere l’accordo quadro con PT (Poste italiane) per la bonifica di siti genericamente contaminati e la rimozione di materiale contente amianto. Inoltre, Geos Environment è impegnata in attività di caratterizzazione ambientale dei siti contaminati e di analisi dei rischi per sito specifico eseguite con propri tecnici e personale operativo dell’azienda stessa.

“Il nostro è un progetto partito da lontano che stiamo perfezionando nel tempo con attività di controllo sempre più precise che ci danno la possibilità di migliorare il servizio. Uno degli elementi fondamentali nei processi di bonifica dei siti contaminati è la rapidità di intervento. Questo è un fattore di grande importanza per aiutare la natura a ripristinare i luoghi, oltre a determinare un considerevole risparmio economico, soprattutto negli interventi che seguono un incendio” spiega l’ing. Antonio Marotta, amministratore della GEOS ENVIRONMENT.

“Siamo in un mercato che rispetto a qualche anno fa è più aggressivo. Con la crisi dell’edilizia abbiamo visto che molte aziende che si sono riconvertite in aziende di bonifica ma questo è un campo in cui non è possibile improvvisare, occorrono anni di studio ed esperienza per trovare e perfezionare le metodologie giuste. Il rischio è quello di aumentare il danno su cui si interviene” conclude Marotta.